Hanne Darboven, Bologna dal 22 Gennaio al 3 Febbraio 2013

La galleria P420 e la Fondazione Hanne Darboven di Amburgo sono liete di presentare l’esposizione del lavoro Kalendar 94, Postum OP 42 A B C D, Bläserquintett dell’artista tedesca Hanne Darboven (Monaco, 1941-Amburgo, 2009) presso il Museo della Musica di Bologna (Strada Maggiore 34 ) dal 22 gennaio al 3 febbraio 2013 nell’ambito degli eventi proposti dalla fiera di Bologna per Art City Bologna 2013, e la performance musicale che sarà eseguita domenica 27 gennaio alle ore 10, sempre al Museo della Musica, su spartito della stessa Darboven.

Le composizioni musicali di Hanne Darboven sono fortemente connesse alla sua attività di artista visiva. Alla stessa maniera, le sue opere visive sono strettamente legate alle sue composizioni musicali. L’idea di affiancare il lavoro prettamente visuale alla performance musicale nasce dall’esigenza di illustrare al meglio la specifica interazione e la particolare prospettiva di questa relazione.

Fu la stessa Darboven a promuovere l’esposizione combinata tra la parte visiva e quella compositiva del proprio lavoro, come ad esempio fu fatto al Deichtorhallen di Amburgo nell’ottobre del 1991.

Analogamente, domenica 27 gennaio 2013 alle ore 10.00 al Museo della Musica di Bologna, città che può vantare un’influenza evidente sulla storia musicale europea, un ensemble di musica da camera eseguirà la composizione Opus 26 Quartette Modell 1–9, scritta da Hanne Darboven alla fine degli anni ’80, ridando così vita all’idea originale dell’artista accompagnando l’esposizione dell’opera e trasponendola su un piano musicale.

«Sin dall’età infantile Hanne Darboven mostra un grande talento musicale che però mette da parte – anche se senza mai dimenticarlo – a favore delle arti visive. E’ evidente la vicinanza tra le variazioni musicali e le varianti nelle sequenze numeriche di Hanne Darboven. Dalla seconda metà degli anni ’70 inizia a tradurre i suoi sistemi numerici in sequenze musicali (numero 0 = nota d, etc.), successivamente arrangiate per vari strumenti, singoli o intere orchestre, da musicisti professionisti. Il risultato è un’affascinante esperienza sonora, un connubio tra la sua musica matematica, per usare le parole della stessa Darboven, e la grande tradizione della musica classica tedesca». [Ernst A. Busche, Fondazione Hanne Darboven, Amburgo]

 

Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna

Strada Maggiore 34 – 40125 Bologna

museomusica@comune.bologna.it

.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com